Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Studi clinici nel mondo

Decine di studi clinici nel mondo verificano l‘efficacia delle cellule staminali in varie diagnosi mediche. 

Klinické štúdie kmeňových buniek vo svete
Sangue del cordone ombelicale

  1. Applicazione su malattie neurologiche (DMO, danni cerebrali traumatici, encefalopatia ischemica ipossica, idrocefalo, AVC ischemico)
  2. L’autismo
  3. Malattie neurodegenerative (Alzheimer, malattia di Parkinson, sclerosi laterale amyotrofica)
  4. Perdita dell’udito
  5. Lesioni traumatiche del midollo spinale
  6. Errori cardiaci congeniti (sindrome ipoplastica del ventricolo sinistro, disturbi valvolari)
  7. Diabete di tipo 1, diabete di tipo 2
  8. La malattia di Crohn
  9. Artrite reumatoide



Tessuto ombelicale

  1. Malattie neurodegenerative (Alzheimer, sclerosi laterale amiotrofica, malattia di Parkinson)
  2. L’autismo
  3. Lesioni traumatiche del midollo spinale
  4. Malattie autoimmuni (lupus eritematoso sistemico, poliartrite, sclerosi multipla)
  5. Displasia broncopolmonare
  6. Cardiomiopatia, infarto miocardico
  7. Cirrosi
  8. Danno acuto del rene
  9. Malattia di Graft
  10. Malattia della vescica (incontinenza, vescica neurogena)
  11. Lesioni al ginocchio
  12. Fratture delle ossa (pseudoartrosi)

Tessuto placentare

  1. Stroke vascolare, malattia di Alzheimer
  2. lesioni agli occhi, trapianto di cornea
  3. lesioni del midollo spinale
  4. Fibrosi polmonare
  5. Malattia cardiaca ischemica, insufficienza cardiaca, ingegneria dei tessuti valvolari
  6. Fibrosi cistica
  7. Malattie metaboliche congenite
  8. Cirrosi del fegato
  9. Malattia infiammatoria intestinale cronica
  10. Ulcere, trapianti di pelle
  11. Distrofia muscolare
  12. Malattie degenerative delle articolazioni
  13. Arteriopatia cronica
  14. Malattie ossee; fratture patologiche


Panoramica degli studi clinici che utilizzano il cordone ombelicale cordone ombelicale, il tessuto ombelicale a placentare.

Studi clinici che utilizzano cellule staminali dai tessuti perinatali del bambino

Al fine di verificare la sicurezza e l’efficacia di un nuovo trattamento da eseguire, gli studi clinici sono a lungo monitorati e sono soggetti a norme e controlli rigorosi per tutta la durata. Le sperimentazioni cliniche hanno aperto nuove opzioni di trattamento. I primi studi utilizzando cellule staminali da sangue del cordone ombelicale con disturbi neurologici sono del 2004, da allora è confermato la sicurezza e la fattibilità del loro utilizzo. E ‘attualmente in corso in tutto il mondo, soprattutto negli Stati Uniti, la Corea e l’India, più di 300 studi clinici con il sangue del cordone. Sono focalizzati sulla diagnosi:

  • ematologiche (per esempio espansione delle cellule del cordone, una minore incidenza di graft-versus-host disease, anemia aplastica grave, linfomi e vari tipi di cancro).
  • malattie infantili congenite (sistema metabolico e immunitario),
  • neurologico (per i neonati prematuri, i bambini con ritardo dello sviluppo generale, con encefalopatia ipossico-ischemica, paralisi cerebrale danni cerebrali indotti, danni cerebrali nei bambini nati a termine, l’ictus, l’autismo, con disturbi dello spettro autistico e altri.)
  • cardiologica (sindrome ipoplastica del ventricolo sinistro),
  • perdita di udito acquisita, ustioni.


Anche in Slovacchia c’è una sperimentazione clinica nel trattamento della paralisi cerebrale.

Le cellule del sangue cordonale sono particolarmente ematopoietiche e cellule staminali mesenchimali. Dove si presenta il danno, dopo somministrazione endovenosa, le cellule sono attratte da fattori infiammatori prodotti nel tessuto danneggiato. Esse sono quindi in grado di rigenerare il tessuto nervoso danneggiato dovuto soprattutto alle sue due proprietà – differenziazione e immunomodulazione.

Mentre la loro capacità di differenziare consente di sostituire il tessuto danneggiato, la capacità immunomodulante riduce i processi infiammatori presenti in molte malattie, nonché malattie ipossiche e cerebrali ischemiche come, encefalopatia paralisi cerebrale ipossico-ischemica, ma anche Regenerácia mozgu pomocou kmeňových buniekl’autismo e porta così alla rigenerazione del cervello.

Il tessuto del cordone ombelicale ha un gran numero di cellule staminali mesenchimali che sono in grado di influenzare processi immunitari nel corpo e specializzarsi in differenti tipi di cellule del corpo umano e la loro importanza è principalmente nella rigenerazione tissutale. Studi clinici con queste cellule entrano in terapia aggiuntiva dopo il trapianto di cellule staminali ematopoietiche, che dimostra la loro importanza nella prevenzione della malattia da trapianto. Gli studi in corso sono su malattie infiammatorie croniche e malattie autoimmuni e anche nella rigenerazione del tessuto danneggiato (fegato, pancreas, pelle, ossa, cuore, cartilagine e simili).

Il tessuto placentare è una fonte significativa di cellule staminali mesenchimali. Il vantaggio di cellule derivate dalla placenta è che grazie alla loro pulizia immunologica sono meglio tollerati nel corpo del ricevente. Nel sito web, che offre una panoramica degli studi clinici di tutto il mondo, sono pubblicati anche gli studi nel campo della immunomodulazione e si esamina l’influenza di queste cellule nelle malattie infiammatorie croniche, per esempio il Morbo di Crohn e spondilite anchilosante, nonché la rigenerazione dei tessuti danneggiati come fibrosi polmonare idiopatica, ictus ischemico, cistite emorragica, sarcoidosi polmonare o disturbi metabolici.

Una panoramica aggiornata delle sperimentazioni cliniche in corso è disponibile sul sito www.clinicaltrials.gov.

Sei interessato e vuoi sapere di più? Puoi contattarci al seguente numero +39 366 399 3997.
La registrazione senza impegno.