Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Che cos’è il tessuto cordonale

Che cos'è il tessuto cordonale

Il cordone ombelicale (cordone) unisce il bambino con la placenta e la madre. Il cordone è attraversato da 3 vasi, rivestiti dalla gelatina di Wharton – (una sostanza gelatinosa trasparente). Questi vasi apportano al feto sangue ossigenato proveniente dalla placenta (ricca di sostanze nutritive).

Le cellule del tessuto del cordone ombelicale hanno un elevato potenziale terapeutico e biotecnologico sostituiscono le cellule danneggiate o non funzionanti.

Il tessuto del cordone ombelicale è una ricca fonte di cellule staminali mesenchimali, in grado di differenziarsi in cellule di ampi spettri tissutali, per es. tessuti delle ossa, cartilaginei, tendinei, dei muscoli, dei nervi e del fegato. Sono presenti anche nel sangue cordonale, sebbene in misura di gran lunga minore rispetto a quanto contenuto nel tessuto cordonale o anche placentare.

Le cellule staminali mesenchimali sono probabilmente il tipo di cellule più promettente per la terapia cellulare, per la terapia rigenerativa di organi danneggiati e per la cura di diverse patologie.

I risultati delle ricerche hanno dimostrato che le loro capacità immunosoppressive e immunomodulanti possono essere sfruttate per la cura di processi cronici infiammatori e autoimmuni.

Perché scegliere il prelievo del tessuto cordonale?

  • contiene grandi quantità di cellule staminali mesenchimali che, nell’ambito degli studi clinici, vengono utilizzate a fini terapeutici nel campo della medicina rigenerativa e nell’ingegneria tissutale,
  • le cellule del tessuto del cordone ombelicale sono state sfruttate nell’ambito di studi clinici focalizzati alla terapia di patologie neurologiche, reumatiche, autoimmuni e altre patologie, come per es.: malattie di Alzheimer e di Parkinson, autismo, osteoartrite, psoriasi e lupus, o anche ischemie cerebrali,1
  • insieme al materiale ematico cordonale prelevato, conserverete per il proprio bambino anche un ampio spettro di cellule staminali per variegate finalità terapeutiche,
  • il materiale viene preservato in diverse crioprovette, con la possibilità dunque di utilizzo reiterato.

Attualmente si registrano più di 200 studi clinici incentrati sulla verifica del potenziale di sfruttamento del tessuto cordonale, per es. nella terapia di patologie neurologiche, autoimmuni o di altra natura.1

Utilizzo del tessuto del cordone ombelicale
  1. www.clinicaltrials.gov