Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

In realtà, i rifiuti spesso sono in realtà un tesoro

un’intervista con la professoressa Joanne Kurtzberg

Sei anni fa, il professor Joanne Kurtzbergová, medico e ricercatore presso la Duke Univesity in USA, ha salvato la vita di una bambina che combatte il cancro. Quest’anno, è arrivato in Israele per indagare i bambini con paralisi cerebrale a causa dello studio clinico per il trattamento di questa malattia usando sangue del cordone ombelicale.

Non c’era attenzione all’arrivo dell’insegnante. Lo zaino sulle sue spalle le dava l’aspetto di un turista – forse una deliziosa nonna proveniente dall’estero che era venuta a trovare le sui nipoti. Ma quelli che ne hanno bisogno darebbero qualsiasi cosa in pochi minuti a parlare con questo dottore che fa miracoli.

“Sono d’accordo con la definizione di” miracolo “perché non c’è modo più attraente per nominare le cose che stanno accadendo”, dice l’umiltà. “Quando vedi il bambino che si alza dalla sedia a rotelle e inizia a camminare – è un miracolo. Quando una bambina che non muove la sua mano usa una forchetta e consuma cibo in modo indipendente – è un miracolo. Quando un ragazzo che parla con difficoltà inizia a cantare, è un miracolo. Ma per questi miracoli non sono responsabile. “Aggiunge modestamente.

E chi allora?

“Sangue ombelicale. 32 anni fa, quando ero incinta, chiesi al mio ginecologo perché buttasse via il sangue del cordone ombelicale. Ho creduto che potesse essere utilizato e dovrebbe essere conservato. Il ginecologo disse: “Lascia che sia, è una fantascienza”.

Purtroppo, anche oggi ci sono ginecologi che per la conservazione del sangue del cordone ombelicale a guardare con disprezzo.

“Alcuni non stanno davvero cercando di ottenere nuove informazioni sui progressi della medicina. Il ginecologo è l’unico medico che accompagna la donna durante la gravidanza e, se non raccomanda la possibilità di conservare il sangue del cordone ombelicale, e non crede ai suoi argomenti per usare questa opzione, perché investire soldi, un sacco di soldi in qualcosa che sembra essere un lusso?

Erail tuo sogno di trapiantare il sangue del cordone ombelicale?

“Niente affatto”, ride il prof. Kurtzbergová. “Sono cresciuto a New York e da brava ragazza suonavo il piano e mi sono iscritto per studiare musica in una scuola privata. Non ho mai pensato alla medicina. Tuttavia, per finanziare me stesso durante i miei studi, ho lavorato con bambini autistici che vivevano nel mio mondo e solo i ritmi e le tonnellate li hanno portati alla realtà. Questo trasferimento radicale dall’isolamento al contatto con l’ambiente mi ha affascinato e ho deciso di studiare di più sull’autismo per cercare di trovare altre connessioni con la realtà per loro “.

Uno studio sull’autismo ha portato il professore in una scuola di medicina e, come ha affermato, “una cosa ha portato a quella successiva”. Si è specializzata in pediatria, ha completato una sottospecializzazione in un oncologo pediatrico e ha iniziato a studiare un ramo relativamente nuovo di trapianto di cellule staminali.

“Mi ho sposato un neuro-oncologo e mi sono trasferito con lui in North Carolina. Lì ho curato un bambino affetto da anemia di Fanconi congenita, una rara malattia ereditaria che distrugge il midollo osseo.

Lo stavo guardando da quasi il compleanno e quando avevo 5 anni non avevo niente da offrirgli. Dovevo dire ai suoi genitori che non sarebbe sopravvissuto per più di sei mesi senza il trapianto di cellule staminali proveniente dal sangue del cordone ombelicale. I suoi genitori hanno accettato di trapiantare, il primo del loro genere. Entrambi volevano essere sicuri di aver fatto di tutto per salvare la sua vita e non avevano nulla da perdere “.

La bambina di cinque anni è stata sottoposta a chemioterapia per sopprimere il suo stesso sistema di formazione del sangue. sangue ombelicale proveniva da un donatore non correlato. L’azione è stata finanziata dal filantropo americano Rockefeller.

“Questo ragazzo ha 32 anni, è sano, lavora, è indipendente e conduce una vita normale. Anche se non richiede il monitoraggio, svanisce di volta in volta. Si è sposato e ha adottato un bambino. Come conseguenza del trattamento infantile che ha distrutto il suo sperma, non può purtroppo avere i suoi figli “.

Cosa senti quando vai nella tua clinica?

“Soddisfacente soddisfazione. Non l’ho mai visto come la sua “seconda madre”. Non mi aspetto che dica qualcosa del tipo “tu sei la ragione per cui sono rimasto vivo e ho una famiglia”. Sono felice che la scienza moderna sia in grado di fornire soluzioni anche nei casi che nel passato sono stati considerati senza speranza. ”

“Negli ultimi 20 anni ho studiato molti aspetti dell’uso del sangue del cordone ombelicale. Recentemente abbiamo completato con successo un innovativo studio sul trattamento della paralisi cerebrale infantile con il sangue del cordone ombelicale che i loro genitori hanno conservato per i loro figli alla nascita. Lo studio ha incluso 63 bambini di età compresa tra uno e sei anni. La metà di loro ha ricevuto il sangue del cordone ombelicale e l’altra metà del placebo. I bambini che hanno ricevuto il sangue del cordone ombelicale hanno mostrato un incredibile miglioramento nel corso di un anno. Non abbiamo ancora pubblicato i risultati dello studio, ma spero che quando lo faremo, la pubblicazione sarà ampiamente presentata tra i medici e coloro che continuano a sacrificare il sangue del cordone ombelicale per rendersi conto che è un tesoro “.

Quest’anno apre uno studio sul trattamento dell’autismo usando il proprio sangue del cordone ombelicale.

“Sarà per me una chiusura del  cerchio perché ho iniziato a occuparmi di medicina per bambini autistici”, sorride.

Allo stesso tempo, ci sono due ulteriori studi: l’uso del sangue del cordone ombelicale nei bambini con cancro e l’uso del sangue del cordone ombelicale nei genitori anziani dopo l’ictus. Prof. Kurtzberg spiega che l’uso del sangue del cordone ombelicale del donatore deve essere identico a quattro dei sei caratteri HLA, quindi non c’è bisogno di donazioni da un parente.

I tuoi figli hanno conservato il sangue dei bambini dei loro figli?

“Sfortunatamente, non sono una nonna fino ad ora. Mio figlio è un avvocato e di solito mi ascolta. Mia figlia lavora nelle pubbliche relazioni e fa esattamente il contrario di ciò che consiglio di fare. Ma sanno della mia ricerca e sono sicuro che faranno la cosa giusta. ”

Raccomandate ai genitori di bambini malati di portare un altro bambino al mondo per usare il suo sangue del cordone ombelicale?

“No”, dice senza ambiguità. “Se i genitori vogliono portare un altro bambino nel mondo, per me va bene. Ma il bambino dovrebbe essere portato al mondo per amore e non allo scopo di donare pezzi di ricambio “.

Elaborato da: parentsguidecordblood.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *