Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Per genitori

Trattamento con cellule staminali mesenchimali: nuova tendenza nella medicina moderna

“Le cellule staminali mesenchimali sono state date le loro caratteristiche speciali solo utile nel trattamento di alcune malattie, in particolare condizioni che influenzano tessuto scheletrico e connettivo.”

cellule mesenchimali sono cellule staminali adulte multipotenti capaci di differenziarsi in diversi tipi cellulari. Essi possono differenziarsi in cellule non ematologiche, come le cellule della cartilagine, cellule ossee, cellule di grasso o cellule muscolari, come le cellule del muscolo cardiaco, ecc

La ricerca avviene anche nel trattamento di altri tipi di malattie, che possono essere utilizzate cellule staminali mesenchimali.

I benefici della terapia con cellule staminali mesenchimali

cellule staminali mesenchimali sono cellule staminali multipotenti e hanno la capacità di possedere rigenerazione e la riparazione della ferita. Sono queste proprietà che li rendono utili nel trattamento delle malattie sia immuni che non-immuni. Di seguito sono riportate alcune applicazioni delle cellule staminali mesenchimali in medicina:

Essi sono efficaci nel ristabilire tessuto: La capacità delle cellule staminali mesenchimali a differenziarsi in vari tipi di cellule, come cellule di cellule cartilaginee ed ossee, hanno fatto importante nel trattamento di malattie associate con queste parti del corpo. Si ritiene che le cellule staminali mesenchimali siano responsabili della crescita dei tessuti e della riparazione dei tessuti danneggiati. È stato anche osservato per essere responsabile per la sostituzione di tessuti e cellule danneggiate del sistema muscolo-scheletrico. Come risultato di quanto sopra sono cellule staminali mesenchimali utili nel trattamento del danno tissutale e degenerazione. Inoltre, è stato dimostrato che le cellule staminali mesenchimali sono efficaci nel trattamento dei disturbi del danno denti, diabete e ossa.

Trattamento dei disturbi immunitari: le cellule staminali mesenchimali sono modulatori del sistema immunitario. In aggiunta alla propria capacità di rigenerazione e rinnovo dei tessuti, cellule staminali sono importanti nel trattamento di malattie autoimmuni. Molti studi e studi sono stati effettuati dimostrando che le cellule staminali mesenchimali sono efficaci. Sono stati fatti tentativi su modelli animali e cellule staminali mesenchimali funzionavano efficacemente. Come risultato, le cellule staminali utilizzati nel trattamento della malattia da trapianto contro l’ospite, in particolare in pazienti che hanno subito un trapianto di midollo osseo. Le cellule staminali hanno istituito con successo il sistema immunitario dei pazienti per ricevere cellule staminali trapiantate. Inoltre, utilizzato nel trattamento di alcune malattie autoimmuni come il lupus eritematoso sistemico, sclerosi multipla, artrite reumatoide, etc. Il successo di cellule staminali mesenchimali può essere attribuito alle loro proprietà immunomodulatorie.

Malattie cardiovascolari: Anche se la medicina negli ultimi anni ha fatto progressi, ma non è riuscito a ridurre il tasso di mortalità delle persone con malattie cardiache. Trattamento di cellule staminali mesenchimali è utile nel trattamento di varie malattie cardiovascolari, essenzialmente a causa delle loro capacità rigenerative e proprietà immunomodulatorie. Lo studio è stato condotto presso l’Università americana per 80 pazienti affetti da infarto miocardico. Quaranta pazienti affetti da infarto miocardico ricevuti iniezione coronarica percutanea, mentre i restanti quaranta pazienti hanno ricevuto casualmente cellule staminali mesenchimali mediante iniezione intracoronarica. E ‘stato osservato che i pazienti che hanno ricevuto il trattamento con cellule staminali mesenchimali hanno dimostrato più velocemente e meglio i progressi, in particolare nella loro attività cardiaca. Anche la zona infartuata si è ripresa dopo diversi mesi.

Sfide della terapia con cellule staminali mesenchimali

Nonostante il fatto che la terapia con cellule staminali sono stati fatti grandi progressi, il campo della medicina moderna è ancora lontano dal punto in cui dovrebbe essere. Questo lento sviluppo non può essere uno scienziato saggio poiché limitato da leggi e limitazioni. Ad esempio, gli Stati Uniti sono l’unico Stato del Texas che autorizza l’uso della terapia con cellule staminali per i pazienti affetti da malattie incurabili e malattie croniche gravi.

Tuttavia, le cellule staminali mesenchimali hanno avuto successo perché non violano alcun codice etico. L’amministrazione inoltre non causa alcun danno o dolore.

Per ulteriori informazioni su questo argomento, visitare iSTEMCELL.com

Leggi di più

La placenta è una nuova fonte promettente di cellule staminali

Sono passati più di 40 anni e la medicina è stata utilizzata con successo per la prima volta per trapiantare le cellule staminali. Gli scienziati li hanno isolati dal midollo osseo. Un traguardo significativo nel trattamento di gravi malattie, 1978 e determinare la fonte appropriata di cellule staminali del sangue del cordone ombelicale. Seguirono altri 10 anni di ricerca intensiva, mentre il sangue del cordone ombelicale fu usato per il trapianto. Il successo di questo processo è confermato dal fatto che oltre 30.000 trapianti di sangue del cordone ombelicale sono stati eseguiti in tutto il mondo da allora. Tuttavia, i progressi non si sono fermati. Gli scienziati stanno cercando altre fonti di cellule staminali e, come suggerisce la ricerca recente, c’è un grande potenziale per la placca placentare fino a poco tempo fa.

Leggi di più

Uno studio suggerisce: “Le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale possono aiutare a guarire il cuore danneggiato.”

Circa 500.000 persone nel Regno Unito soffrono di insufficienza cardiaca: quando il cuore non riesce più a pompare sangue nel corpo, causando mancanza di respiro e debolezza.

Fino a poco tempo fa si ipotizzava che il danno fosse irreparabile, ma la nuova ricerca suggerisce che le cellule staminali possono aiutare a rigenerare il corpo. In un esperimento epocale, a 15 pazienti è stata somministrata un’infusione endovenosa di cellule staminali dal cordone ombelicale donato da madri dopo taglio cesareo. Gli esperti hanno utilizzato una serie di test, tra cui la risonanza magnetica per registrare il cambiamento.

Leggi di più

I risultati del trattamento sono stati immediati

I risultati del trattamento sono stati immediati

La professoressa Joanne Kurtzberg è un’esperta di cellule staminali di fama mondiale. Il suo lavoro rappresenta un importante contributo allo sviluppo di metodi curativi che utilizzano le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale. Alla Duke University negli Stati Uniti, sta conducendo un programma di ricerca sul trapianto di sangue del cordone ombelicale.

Leggi di più

Dopo il trattamento con il proprio sangue cordonale, la bambina cominciò a parlare

Isabella ha tre anni e mezzo, ma solo poche settimane fa ha dato il nome di suo fratello per la prima volta. Suo fratello maggiore, Mattew, ha 15 anni e, da piccolo, ha la stessa malattia di Isabella – l’aprassia di un bambino, un disturbo del linguaggio motorio. Questa malattia porta a problemi nel pronunciare suoni, svenimenti e parole, causati dal fatto che il cervello ha un problema nel controllare i movimenti di quelle parti del corpo che compongono il parlato come labbra, slitta e lingua.

Leggi di più

Autismo e cellule staminali del sangue del cordone ombelicale: Verde dalla FDA per un’importante sperimentazione clinica

Sutter Neuroscience Institute (SNI), un importante Centro Medico a Sacramento e il Cord Blood Registry, sta avviando il primo studio clinico supportato dalla FDA (Federal Drug Administration). Le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale del bambino verranno usate per trattare i pazienti affetti da autismo.

Leggi di più

Cellule NK dalla placenta nell’immunoterapia del cancro

Recentemente, la placenta umana ha dimostrato di essere una rara fonte di cellule staminali mesenchimali ed ematopoietiche in diverse applicazioni terapeutiche. A differenza delle cellule staminali, tuttavia, la placenta contiene anche varie cellule del sangue mature. Alcune di loro possono svolgere un ruolo significativo nel trattamento del cancro.

Leggi di più

Nuovo approccio all’autismo

Uno studio clinico dal valore di 41 milioni di dollari utilizzerà il sangue cordonale per trattare autismo, paralisi cerebrale e ictus.

In una piccola sala giochi nella hall del Centro per l’autismo e lo sviluppo del cervello, alla Duke University negli Stati Uniti, Christian Meredith, bambino di 4 anni, gioca con cubetti e animali di plastica.

Leggi di più

In realtà, i rifiuti spesso sono in realtà un tesoro

un’intervista con la professoressa Joanne Kurtzberg

Sei anni fa, il professor Joanne Kurtzbergová, medico e ricercatore presso la Duke Univesity in USA, ha salvato la vita di una bambina che combatte il cancro. Quest’anno, è arrivato in Israele per indagare i bambini con paralisi cerebrale a causa dello studio clinico per il trattamento di questa malattia usando sangue del cordone ombelicale.

Leggi di più

Cellule staminali e medicina sportiva

La medicina rigenerativa e la terapia con cellule staminali sembrano molto promettenti per il trattamento di varie lesioni e malattie che colpiscono gli atleti. Attualmente non esiste una terapia approvata con cellule staminali, ma i ricercatori stanno lavorando per utilizzare una procedura in cui le cellule staminali recuperano e sostituiscono i tessuti e le cellule danneggiati.

Leggi di più