Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Quale influenza ha il coronavirus sulle donne incinte?

Qualche giorno fa, il Royal College of Obstetricians and Gynaecologists e i Centers for Disease Control and Prevention hanno pubblicato informazioni riguardanti il rapporto tra il nuovo coronavirus (COVID-19) e la gravidanza.

Le informazioni qui di seguito riportate sono state raccolte da diverse fonti estere e sono aggiornate al 16.3.2020. I riferimenti agli articoli originali sono riportati in calce.

Per il momento non esistono prove che mostrino che le donne incinte siano più sensibili alle conseguenze del COVID-19 rispetto alla popolazione generale.

Trattandosi di un nuovo virus, la sua influenza sulle donne incinte non è ancora chiara. Si stima che la maggior parte delle donne incinte colpite dal virus dovrebbe mostrare sintomi di entità leggera o moderata, simili a quelli di un raffreddore o normale influenza. I sintomi più gravi (come la polmonite) sembrano essere più frequenti negli anziani e nelle persone che hanno il sistema immunitario indebolito o che soffrono di patologie da lungo tempo. A tutt’oggi non si registrano casi di decesso di donne incinte dovuti al coronavirus.1

Quale influenza ha il coronavirus sul feto, qualora alla futura madre dovesse essere diagnosticata un’infezione da coronavirus?

Il virus è noto solo da poco ed è ancora in fase di esame. Non esistono prove a supporto di un aumentato rischio di aborto. Allo stesso modo, non è stato dimostrato che – durante la gravidanza – il virus possa essere trasmesso al bambino in fase di sviluppo. Pertanto non si prevedono anomalie nel bambino nel caso in cui la donna incinta si ammali.1

Alcuni bambini partoriti da donne con sintomi dell’infezione da coronavirus in Cina sono nati prematuri. Non è chiaro se ciò sia stato causato dal coronavirus o dalla decisione dei medici di indurre il travaglio o di eseguire un taglio cesareo per via del fatto che la donna era malata.1

Tra il 20/1 e il 31/1/2020, a Wuhan, in Cina, è stato realizzato un piccolo studio nell’ambito del quale sono state ricoverate in ospedale 9 donne incinte con confermata polmonite correlata a COVID-19. Sette di loro avevano la febbre.

Tutte hanno partorito nell’ultimo trimestre con taglio cesareo. Le condizioni delle donne non sono andate peggiorando e non sono stati registrati peggioramenti della polmonite o decessi. Il punteggio secondo l’indice APGAR registrato sui neonati è stato di 8-9 entro 1 minuto e di 9-10 dopo 5 minuti. Si è inoltre proceduto al test di: liquido intrauterino, sangue ombelicale, tampone faringeo (dei neonati) e latte materno. Tutti i campioni sono risultati negativi. I rilevamenti effettuati su questo piccolo gruppo di casi suggeriscono che attualmente non esistono prove circa la trasmissibilità del virus al feto.2,3,4

Il coronavirus si trasmette dalla madre al bambino?

Secondo il “Lancet”, una delle più prestigiose riviste scientifiche, per il momento non esistono prove a sostegno del fatto che il coronavirus possa essere trasmesso al bambino attraverso la placenta oppure subito dopo il parto.5

Quali sono le misure finalizzate a ridurre il rischio di contagio da coronavirus?

La cosa più importante è lavarsi le mani spesso ed accuratamente dopo l’arrivo a casa o al lavoro da luoghi pubblici. Per ulteriori informazioni sulle modalità di protezione contro il coronavirus si rimanda a http://www.salute.gov.it/nuovocoronavirus

Quale influenza può avere il coronavirus sull’allattamento?

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention,per il momento non è stato dimostrato che il coronavirus si trasmette dalla madre al bambino attraverso l’allattamento. La patologia da COVID-19 trasmessa dal coronavirus è un infezione che si diffonde per via respiratoria (goccioline) da individui infetti a individui sani. Finora la presenza di coronavirus nel latte materno non è stata confermata. Ciononostante, gli esperti concordano che – qualora una donna in allattamento abbia il sospetto di essere stata contagiata da COVID-19 – dovrebbe prontamente consultare il medico curante per valutare la possibilità di allattamento, adottando ovviamente tutte le misure preventive necessarie al fine di evitare la trasmissione del virus al proprio bambino.6

Fonti:

  1. https://www.rcog.org.uk/en/guidelines-research-services/guidelines/coronavirus-pregnancy/covid-19-virus-infection-and-pregnancy/
  2. https://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0140673620303603
  3. https://www.preprints.org/manuscript/202002.0373/v1
  4. http://tp.amegroups.com/article/view/35919/28274
  5. https://www.thelancet.com/journals/lancet/article/PIIS0140-6736(20)30360-3/fulltext
  6. https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/specific-groups/pregnancy-guidance-breastfeeding.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *