Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

La storia eccezionale del trattamento sperimentale per la cura della paralisi cerebrale su una bambina di 5 anni, Nelly

STORIA: Nelly Vadovicova, 5 anni, paralisi cerebrale

Dopo una gravidanza senza nessun problema il parto ebbe complicanze inaspettate, per cui i medici dovettero ricorrere all’uso del forcipe. La bambina venne intubata, e fu in grado di respirare autonomamente solo sei ore dopo la nascita. Nonostante tutto questo i medici dichiararono che sarebbe stata bene. Ma quando i genitori iniziarono a notare che la bimba non era in grado nemmeno dopo diversi mesi, di girarsi da sola, decisero di farla visitare da un neurologo. Anche questo medico cercò di convincerli che aveva solo bisogno di rimettersi in forze dopo un parto così difficile… Quando compì 13 mesi e ancora non era in grado di muoversi come fanno i bambini di quell’età, i genitori decisero di consultare un ortopedico che gli diede la drammatica diagnosi – paralisi cerebrale.
La paralisi cerebrale è una malattia che non può essere curata ne’ con le medicine ne’ con la chirurgia. In base al livello del danno cerebrale i sintomi possono essere attenuati da un programma di riabilitazione che può migliorare la qualità della vita.

I genitori di Nelly iniziarono a cercare aiuti ovunque – riabilitazione in Slovacchia e Repubblica Ceca, ippoterapia, metodo Vojta (riflesso- locomozione),– con i quali la figlia iniziò a fare alcuni progressi. A poco a poco ha iniziato a muoversi con l’aiuto di un girello e in seguito a stare in piedi da sola. Dopo la successiva riabilitazione che comprendeva anche una seduta nella camera iperbarica, fu in grado di muovere i primi passi. Oggi la bambina ha 5 anni e quattro volte l’anno passa due settimane nel centro medico specialistico per un ciclo di riabilitazione. Queste procedure mediche sono molto impegnative da un punto di vista economico e i genitori contano molto sul supporto di alcuni sponsor. Tutti adesso ripongono le proprie speranze nel trattamento con le cellule staminali alla Duke University.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *