Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Cellule staminali- potenziale trattamento dei disturbi cognitivi causati da danni cerebrali

È noto da tempo che la terapia con cellule staminali riduce l’infiammazione nella fase critica dopo una lesione cerebrale traumatica. Inoltre, secondo una nuova ricerca preclinica condotta dal dottor Charles Cox della Houston Health Science Center Facoltà di Medicina, Università del Texas, le cellule staminali supportano anche il miglioramento continuo delle funzioni cognitive.

Le lesioni cellulari, dopo una lesione traumatica, possono causare danni neurologici gravi e persistenti o infiammazioni. Ci sono diverse opzioni di trattamento. Circa la metà dei pazienti con grave trauma cranico hanno la necessità di una procedura chirurgica per rimuovere o riparare vasi sanguigni rotti o anche un tessuto cerebrale assottigliato.

Nelle precedenti indagini, sui topi di laboratorio, è stato riscontrato che il trattamento terapeutico con cellule staminali progenitrici multi potenti adulte (MAPC), riduce l’infiammazione subito dopo il trauma cranico. Tuttavia, nessuno è stato in grado di valutare il loro effetto nel tempo.

Il gruppo di ricerca guidato dal dottor Cox, direttore del reparto di chirurgia pediatrica del Houston Health Science Center, ha iniettato cellule staminali (MAPC) a 2 gruppi di topi con lesioni cerebrali 2 ore dopo l’infortunio e successivamente dopo 24 ore. Un gruppo ha ricevuto una dose di 2 milioni di cellule per kilogrammo e l’altro una quantità 5 volte più elevata.

Dopo 4 mesi il gruppo della dose più alta ha registrato non solo l’estinzione dell’infiammazione ma anche il recupero delle funzioni cognitive. L’esame di laboratorio del cervello dei roditori ha confermato che quelli trattati con dosi più elevate di cellule staminali presentavano migliori funzioni cerebrali rispetto a quelli trattati con le dosi più basse.

“Abbiamo notato un miglioramento nell’orientamento spaziale. I deficit motori e gli anticorpi erano meno attivi nei topi trattati con una forte concentrazione di MAPC”, ha detto Cox “La ricerca suggerisce che la somministrazione endovenosa di MAPC potrebbe in futuro diventare un trattamento appropriato per le persone con lesioni cerebrali traumatiche”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *