Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

La storia di Nelly Vadovičová: trattamento unico della paralisi cerebrale infantile da parte delle cellule staminali del proprio sangue del cordone ombelicale

La paralisi cerebrale infantile è una delle diagnosi più comuni del sistema nervoso nei bambini. La medicina contemporanea non può intervenire sulla causa primaria ma solo mitigarne le conseguenze. La speranza per il trattamento è il proprio sangue del cordone ombelicale, che potrebbe aiutare anche Nelly Vadovičová, 5 anni. Questo è il primo bambino slovacco che si sottoporrà a terapia con cellule staminali dal proprio sangue del cordone ombelicale, conservato nella banca familliare Cord Blood Center, in uno studio clinico presso l’Ospedale della Duke University Hospital negli Stati Uniti.

“La paralisi cerebrale infantile nasce come conseguenza di danni cerebrali in età prenatale, durante o poco tempo dopo la nascita. La causa più comune è la mancanza di ossigeno (lesione cerebrale ipossico-ischemica). Il successivo disturbo della regione cerebrale interessata si manifesta di solito nel campo motorio come paralisi, con ulteriori conseguenze in termini di cambiamenti nello sviluppo psicomotorio. Altri sintomi, come le crisi epilettiche, possono essere associati,  spiega RNDr. Miroslav Kubeš, CSc., Rappresentante del Centro del sangue cordonale.

Studio clinico negli Stati Uniti

Gli esperti di tutto il mondo in genere mettono molta speranza nella terapia cellulare, basata sul recupero dei tessuti danneggiati. Questa è la specializzazione delle cellule staminali, chiamate anche “cellule riparatrici”, trovate nel sangue del cordone ombelicale. Gli studi clinici che utilizzano cellule staminali del sangue del cordone ombelicale nella medicina rigenerativa sono attualmente eseguiti prevalentemente al di fuori dell’Europa. Proprio per questo motivo, la banca famigliare Cord Blood Center ho stabilito una  collaborazione con Duke University Hospital negli Stati Uniti, dove la sperimentazione con le cellule staminali da sangue del cordone ombelicale e più all’avanguardia . Nelly Vadovičová ha subito un trattamento unico sotto la supervisione di un pioniere nel trattamento e specialista di fama mondiale Joanne Kurtzberg.

“Il fatto che il  trapianto sia stato fatto presso il prestigioso Duke University Hospital accettando unità di sangue del cordone ombelicale stoccate presso la nostra banca familiare è per noi la conferma della qualità dei nostri servizi e il nostro lavoro”, aggiunge Miroslav Kubeš.

Le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale vengono somministrate per via endovenosa, come per una trasfusione di sangue. Le cellule trvano il posto danneggiato nel cervello e rigenerano il tessuto danneggiato.

L’utilizzo di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale, conservati per le esigenze del bambino, sono attualmente oggetto di molti altri studi clinici: la sordità nei bambini, il diabete di tipo I, l’artrite reumatoide, l’autismo e altre diagnosi.

Il trattamento di Nelly è parte del progetto della banca familiare Cord Blood Center “mano di aiuto” cerca attivamente i pazienti e centri di trapianto, organizza l’accesso alle cure e li sostiene finanziariamente. “È nostra preoccupazione che il sangue del cordone ombelicale non venga solo conservato ma anche utilizzato per il trattamento. La nostra visione è quella di consentire l’uso più ampio possibile di cellule staminali da sangue del cordone ombelicale, per il trattamento sui pazienti, resi disponibili dalla medicina mondiale “, ha aggiunto Miroslav Kubeš.

“Per noi, la diagnosi di paralisi cerebrale è stato un grande shock. Ma l’uomo non sceglie di ammalarsi, quindi siamo contenti di aver avuto l’opportunità di un trattamento così unico per la nostra figlia “dice madre di Nelly, Marianna Vadovičová cui aggiunge il marito:” Ci dà tutto una grande speranza: la speranza che grazie alle cellule staminali, la nostra Nelly avrà la possibilità di guarigione si mantenere il passo con i suoi coetani sani. Lei è combattiva e questo ci sta facendo andare avanti “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *