Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Nuova pelle dalle cellule staminali dal tessuto ombelicale

Guarire dalle ferite sembra cosa lontana, ma il ricercatore di cellule staminali,Dr. Phan Toan Thang, lo vede come

“Una cosa straordinaria la guarigione dalle ferite”.

ha detto. La passione per la guarigione delle ferite lo ha portato a scoprire come creare rapidamente le cellule della pelle su larga scala usando un rivestimento del cordone ombelicale.

Rispetto al numero limitato di cellule dalla pelle del paziente nella guarigione di ustioni, le cellule del cordone ombelicale possono fornire una quantità illimitata di cellule immature per creare nuova pelle, ossa e altre parti del corpo, come la cornea dell’occhio.

Questi metodi potrebbero potenzialmente curare ferite che derivano da ustioni o anche ferite diabetiche.

La società di biotecnologie da lui fondata nel 2002 ora possiede 39 brevetti in tutto il mondo. Includono i brevetti per l’estrazione di cellule staminali dal tessuto del cordone ombelicale, la conservazione e la coltivazione a scopo terapeutico. Le cellule sono prodotte a Denver e si prevede che il primo studio clinico nei pazienti inizierà all’inizio del prossimo anno.

“La guarigione delle ferite è un grave problema medico in tutto il mondo. Sono associati a diabete, ictus, problemi cardiaci e invecchiamento ”

spiega dr. Phan l’importanza della tecnologia che può facilitare la disponibilità di innesti cutanei per i pazienti.

Dr. Phan ha fatto molta strada da quando ha iniziato la sua carriera come scienziato e ricercatore presso un’unità di Master al General Hospital di Singapore. Sono venuto qui dal Vietnam nel 1997. Nel 2002, quando ha fondato la sua società di biotecnologia nello stesso anno, il dott. Phan presso l’Istituto di biologia delle cellule staminali e medicina rigenerativa presso la Stanford University, USA. Lì ha visto che i ricercatori stavano cercando di utilizzare le cellule staminali dalla placenta per riparare il fegato.

Quando è tornato a Singapore nel 2004, ha deciso di sperimentare con la placenta e il cordone ombelicale. A quel tempo, le cellule staminali trovate nel sangue del cordone ombelicale erano state utilizzate solo per aiutare a curare pazienti con malattie come la leucemia e altre neoplasie e malattie.

” Fino a quel momento a  nessuno importava della pelle. Gli scienziati si erano concentrati sul cancro e sui problemi cardiaci. E abbiamo semplicemente fatto il nostro lavoro in silenzio ”

ha detto.

Durante la sua permanenza a Oxford, incontrò un singaporiano che conosceva il responsabile della chirurgia plastica in un reparto di ustionati al General Hospital di Singapore, il professor Lee Seng Teik. Il professor Lee nel  1997  ha inserito il lavoro di Phan nella sua squadra ed è stato indice di guarigione delle ferite e di formazione delle cellule della pelle.

 

“Abbiamo dovuto rimuovere le cellule della pelle dall’area ferita del corpo del paziente e distrarle in laboratorio e restituirle al paziente.”

A volte le cellule hanno avuto bisogno di tempo per proliferare.

“Non era ampiamente applicabile. L’intero processo era molto costoso e potevamo farlo solo in alcuni pazienti – era molto difficile da accettare “.

Dr. Phan, che è anche professore associato presso il Dipartimento di Chirurgia presso l’Università Nazionale di Singapore – Yong Loo Lin School of Medicine, ha raggiunto il suo obiettivo attraverso il cordone ombelicale – qualcosa da considerare come rifiuto sanitario. Tuttavia, può fornire sei miliardi di cellule staminali straordinarie per l’espansione nella pelle, nell’osso, nella cornea e in altri tessuti.

“Abbiamo affrontato molte sfide al fine di migliorare il prodotto e renderlo abbastanza economico da poter essere utilizzato da tutti. Non è facile ma per fortuna, siamo riusciti ”

Era il dott. Phan.

Elaborato da: straitstimes.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *