Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

I risultati del trattamento sono stati immediati

I risultati del trattamento sono stati immediati

La professoressa Joanne Kurtzberg è un’esperta di cellule staminali di fama mondiale. Il suo lavoro rappresenta un importante contributo allo sviluppo di metodi curativi che utilizzano le cellule staminali del sangue del cordone ombelicale. Alla Duke University negli Stati Uniti, sta conducendo un programma di ricerca sul trapianto di sangue del cordone ombelicale.

Quest’anno il prof. Kurtzberg ha visitato Israele. L’impulso alle sue visite fu l’invito del direttore di una banca familiare privata di sangue del cordone ombelicale.

“Siamo in costante contatto con il prof. Kurtzberg, che è anche un membro del nostro comitato scientifico. Alcuni dei bambini il cui sangue del cordone ombelicale è stato conservato nella nostra banca di famiglia hanno già subito un trattamento come parte della sua ricerca. Il professore è spesso frustrato quando incontra le famiglie che non hanno abbastanza soldi per pagare il trapianto. L’anno scorso, il Ministero della Salute di Israele ha incluso 50 famiglie con bambini malati la cui madre è in attesa di un altro bambino. Il bilancio per la salute coprirà la conservazione del sangue del cordone ombelicale per i fratelli più piccoli. ”

In Slovacchia, la banca famigliare del sangue cordonale Cod Blood Center offre gratuitamente, alle famiglie con un figlio ammalato curabile mediante trapianto di cellule staminali ematopoietiche, la conservazione dei loro fratellini in arrivo. I finanziamenti per la raccolta, la lavorazione, la conservazione e lo stoccaggio vengono messi a disposizione dalla Cord Blood Center.

Durante una breve visita, il prof. Kurtzberg ha incontrato il Dr. Neurologo dr. Yosefom Bar e ha esaminato quattro bambini con paralisi cerebrale per scoprire se avessero soddisfatto i criteri della sua sperimentazione clinica.

“Ci sono 3 cause principali della paralisi cerebrale infantile,” dice il Dr. Bar Yosef. “Nascita prematura, danno che si verifica durante la gravidanza o durante il parto. L’unica terapia che possiamo fornire ai bambini nati con paralisi cerebrale è l’ipotermia: portare il corpo a 34 ° C come prevenzione al peggioramento del danno cerebrale che si è verificato durante il parto. Tuttavia, se il danno cerebrale non viene diagnosticato durante le prime sei ore, non possiamo fare nulla. Prof. Kurtzberg offre il proprio trattamento del sangue del cordone ombelicale a due gruppi di bambini – bambini che hanno avuto danni al cervello durante il parto e bambini di età compresa tra uno e sei anni con paralisi cerebrale. Il trattamento con il proprio sangue del cordone ombelicale non richiede chemioterapia e il sangue del cordone ombelicale supporta i processi di adesione nel tessuto cerebrale danneggiato. Un altro vantaggio è che il trattamento non dipende dal tempo.”

Anche Nelly dalla Slovacchia, che ha una paralisi cerebrale infantile e ha conservato il sangue del cordone ombelicale presso il Cord Blood Center, ha partecipato a questo studio negli Stati Uniti con il prof. Kurtzberg .

Tenendo conto dei positivi risultati iniziali del prof. Kurtzberg, si è recata in Israele per la prima volta la madre di un bambino di due anni con paralisi cerebrale di cui aveva conservato il sangue cordonale.

La madre racconta che due anni prima ha partorito due gemelli  concepiti in provetta.

“La gravidanza era normale. Sono arrivata alla 37ª settimana e con taglio cesareo programmato entrambi sono venuti alla luce con un buon peso di oltre due chilogrammi. Il giorno dopo il parto, mentre ricevevo una trasfusione di sangue e mi trovavo a letto, mio ​​marito era nella stanza dei neonati e vide che uno dei bambini iniziava a diventare blu e aveva convulsioni. Chiamò i medici che gli diedero il primo soccorso e ci dissero che il bambino aveva superato un infarto. ”

Sapevano perché?

“Ci sono alcune ipotesi e stiamo ancora cercando di capire cosa è successo. Potremmo non sapere mai la causa. Nel reparto di terapia intensiva il piccolo è stato sottoposto a risonanza magnetica, che ha mostrato danni al lato sinistro del cervello che controlla il lato destro del corpo, ma non siamo riusciti a determinare la portata e la profondità del danno. Quando il  bambino ha compiuto due mesi, abbiamo iniziato con fisioterapia e idroterapia sotto la supervisione dei genitori per rafforzare la parte lesa. Ad esempio, quando alzava la mano sinistra, cercavamo di costringerlo a sollevarla. ”

Durante la gravidanza, sua madre ha letto libri sulla crescita dei gemelli ed era consapevole che non avrebbe dovuto fare confronti fra loro.

“Ma se torni a casa con due bambine – uno sano e l’altro con paralisi cerebrale – non si può fare a meno di notare le differenze. Naomi era sei o nove mesi indietro rispetto sua sorella. Si notava nell’arrampicata, da seduta, nella camminata, nella lallazione e articolazione dei suoni, nelle  espressioni facciali -. Tutte le tappe fondamentali che i bambini attraversano ”

Fortunatamente, i genitori hanno conservato il sangue del cordone ombelicale dei gemelli come anche per il loro figlio maggiore, che ora ha sei anni.

“Durante la gravidanza avevo raccolto informazioni in ospedale e mi sono detta che se non dovesse servire, almeno non farà male. Sono un sacco di soldi, ma i bambini sono le nostre priorità. Il mio istinto materno mi ha detto di tenere il sangue del cordone ombelicale. ”

Solo quando i gemelli hanno raggiunto i 6 mesi, la madre ha iniziato a cercare informazioni sull’utilizzo del sangue ombelicale che avevano conservato per aiutarli.

“Fino ad allora, ero sotto shock e ero impegnata a seguite il trattamento di un bambino con uno sviluppo ritardato”, ammette. “Amon Pelz, il direttore della banca familiare del sangue del cordone ombelicale, mi ha parlato della ricerca che si sta svolgendo alla Duke University e mi ha suggerito di scoprire se sua figlia potesse partecipare ad una sperimentazione clinica. Ma ho respinto quell’idea. Non potevo immaginare di andare negli Stati Uniti con una figlia malata e lasciare mio marito con due bambini. Volevo che il piccolo si sottoponesse alle cure in Israele, anche perchè la mia famiglia e i miei amici mi avrebbero dato il sostegno necessario. Ho fatto domanda chiesto presso il reparto ematologico in ospedale e i medici mi hanno detto che non riscontravano alcun problema di sicurezza perché era una procedura simile a quelle di routine applicate ai bambini con cancro. Non sapevo però che avrebbe richiesto molto tempo.

“Perché ci è voluto così tanto tempo?

“Perché non sapevano se definire l’operazione trasfusione o trapianto, hanno dovuto aspettare l’autorizzazione della Commissione di Helsinki, è emersa la questione del finanziamenti, scartoffie e firme che richiedevano molto tempo e quando alla fine terminammo con la burocrazia, la figlia dovette sottoporsi al test per la compatibilità dei tessuti. Il trapianto era previsto per il 7 febbraio. È stata una giornata lunga ed estenuante. In primo luogo, ha subito esami neurologici e test di fisioterapia che hanno valutato varie azioni per fare un confronto “prima e dopo”. Durante i test, il sangue del cordone ombelicale è stato scongelato. Ha ricevuto un preparato per prevenire la nausea e di notte mentre dormiva è stata sottoposta alla trasfusione. Era una piccola sacca e il contenuto scendeva lentamente.”

La mamma dice che i risultati si sono rivelati immediatamente.

“Ci hanno spiegato che i cambiamenti avverranno entro due anni dal trapianto, ma dopo due mesi ho visto che qualcosa cambiava in Naomi – nel modo di parlare e capire. Due mesi fa, era solo in grado di dire “questo” e “elefante”. Quando le dissi di dire “mamma”, lei mi guardò con occhi grandi. Ora ripete le parole e parla quasi bene come sua sorella. In passato, se le davo un bambola non capiva che era un gioco. Ora quando prendo una bambola lei prenderà la seconda e la terza. È un cambiamento significativo nella cognizione, mia figlia comprende ed è in grado di pensare in anticipo, non solo di percepire la presenza ”

Questa madre ha avuto l’opportunità di incontrare il prof. Kurtzberg e descrive i cambiamenti che sua figlia compiva. “Sono realistica”, ha detto.

“Non mi aspetto che mia figlia sia al 100% OK. La paralisi cerebrale è la paralisi cerebrale, ma mi sembra logico che il sangue del suo corpo sia la prima opzione per poter curare l’ictus. Non abbiamo ancora raggiunto il livello del primo anno e nessuno sa quando sarà in grado di leggere e scrivere, ma cerco di concentrarsi su ogni piccola cosa che possa migliorare la qualità della sua vita “.

“Ho visto il video del prof. Kurtzberg. Quando un ragazzo su una sedia a rotelle ha iniziato a camminare, è qualcosa che non può essere ignorato. Ho descritto al professore i cambiamenti psicologici e cognitivi che osservo in maniera approfondita, Naomi va al centro di riabilitazione e ammiro i suoi significativi progressi. La sua mente è più flessibile, continua il miglioramento verbale, i suoi movimenti stanno migliorando e siamo molto ottimisti “.

In Slovacchia, dal 2013 è in corso una sperimentazione clinica per il trattamento della paralisi cerebrale con il proprio sangue ombelicale ed è già stato trasfuso ad 11 bambini il cui ulteriore sviluppo è strettamente monitorato.

 

Elaborato da: parentsguidecordblood.org

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *