Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

La malata Maria salvò il sangue ombelicale di un piccolo fratello

DFNsP unità di trapianto di cellule staminali a Bratislava, 2000

La studentessa Maria non era sempre così sana come quella di oggi. È nata con l’anemia di Blackfan Diamond.Questa malattia è trattabile solo con trapianto di cellule staminali ematopoietiche. Nei primi anni della sua vita Maria era sottoposta a frequenti trasfusioni di sangue. Più tardi, i suoi medici hanno inserito la terapia corticoide. Tuttavia, la sua salute è migliorata solo poco tempo. Il trapianto di cellule staminali ematopoietiche era essenziale.

La speranza di Maria si è rivelata quando la madre è rimasta incinta. Tutta la famiglia e i medici credevano che il suo piccolo fratello sarebbe stato un buon donatore. Dopo la nascita del fratellino, gli esperti hanno prelevato e conservato il sangue cordonale del bambino.

All’inizio del trapianto, Maria ha ricevuto elevate dosi di chemioterapia che hanno distrutto le cellule malate nel suo midollo osseo. Poi è stato eseguito il trapianto di sangue del cordone ombelicale. Il principio del trapianto è che il sangue sano del cordone ombelicale si avvicina al midollo osseo dove si stabilizza e inizia gradualmente a formare globuli bianchi e globuli rossi. Era un periodo impegnativo e pericoloso perché il paziente doveva essere isolato in un ambiente sterile. Dopo poche settimane, tuttavia, ha cominciato a sentirsi meglio e i sintomi della malattia sono scomparsi. La sua energia tornò e lei cominciò a guardare in avanti, agli amici e alla vita.

Maria è ora sana e allegra per il corretto approccio dei genitori e dei medici, soprattutto grazie al sangue del cordone ombelicale del fratello. L’amore tra i fratelli è così rafforzato per sempre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *