Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

L’insufficienza cardiaca potrebbe essere curata con le cellule staminali da cordone ombelicale

Usando cellule staminali del sangue del cordone ombelicale, i ricercatori sono riusciti a migliorare la funzionalità del muscolo cardiaco in pazienti con insufficienza cardiaca, creando un modo per trattamenti non invasivi.

L’autore principale dello studio è il Dr. Jorge Bartolucci, professore presso l’Università Andina (UANDES) a Santiago del Cile, e autore corrispondente è il Dr. Fernando Figueroa, un professore di medicina presso UANDES.

Il dott. Bartolucci e i suoi colleghi hanno elaborato uno studio che confronta i pazienti che hanno ricevuto un’iniezione endovenosa con cellule staminali del sangue del cordone ombelicale e pazienti che hanno ricevuto placebo.

I risultati, pubblicati su Circulation Research, Dr. Figueroa, sono considerati “incoraggianti”. Dicono che i risultati potrebbero migliorare il tasso di sopravvivenza dei pazienti con insufficienza cardiaca.

La metà dei pazienti con insufficienza cardiaca muore nei primi 5 anni dalla diagnosi e il tasso di sopravvivenza a 10 anni è inferiore al 30%.

In caso di insufficienza cardiaca, i muscoli del cuore sono indeboliti e non possono più pompare abbastanza sangue in tutto il corpo. La minaccia di insufficienza cardiaca sta aumentando in modo preoccupante tra le persone negli Stati Uniti; il numero di persone colpite è attualmente stimato a 6,5 ​​milioni e dovrebbe aumentare del 46% entro il 2030.

Gli autori di un nuovo studio indicano che la ricerca precedente ha esaminato il potenziale delle cellule staminali dal midollo osseo per trattare l’insufficienza cardiaca, ma dicono che le cellule staminali da cordone ombelicale non sono mai state indagate.

Gli autori aggiungono che queste ultime sono il modo più opportuno per il trattamento perché sono più accessibili, non pongono problemi etici rispetto alle cellule staminali embrionali, e probabilmente non causano una risposta immunitaria negativa.

Il trattamento è sicuro ed efficace.

Il dott. Bartolucci e il suo team, nel loro piccolo studio, hanno diviso 30 pazienti di età compresa tra i 18 e i 75 anni in due piccoli gruppi; un gruppo è stato trattato con cellule staminali e l’altro placebo.

I pazienti di entrambi i gruppi presentavano un’insufficienza cardiaca stabile trattata con farmaci standard.

Le cellule staminali utilizzate dai ricercatori provenivano dal sangue del cordone ombelicale derivato dalla placenta umana. Sono stati donati da madri sane.

È stato scoperto che nel gruppo di trattamento con cellule staminali, i pazienti hanno migliorato la capacità del cuore di pompare il sangue in tutto il corpo dopo  un anno. Il trattamento con cellule staminali sembra migliorare anche la qualità della vita dei pazienti trattati.

Durante il trattamento, non ci sono stati effetti avversi o risposta immunitaria infiammatoria, nonostante il fatto che i pazienti che ricevono trasfusioni di sangue sono in genere inclini a reazioni immunitarie avverse.

Gli autori concludono che il trattamento è stato “fattibile e sicuro” e “portato ad un significativo miglioramento della funzionalità ventricolare sinistra del cuore migliorando la qualità della vita.”

“Questi risultati suggeriscono che [l’intervento] potrebbe influenzare i risultati clinici e incoraggiare ulteriori test attraverso ampi studi clinici”

Gli autori sostengono che questo tipo di terapia con cellule staminali può essere particolarmente utile per i pazienti con insufficienza cardiaca, soprattutto rispetto alle opzioni di trattamento esistenti.

La terapia farmacologica standard può essere insufficiente nel controllo dell’insufficienza cardiaca e i pazienti spesso devono ricorrere a terapie più invasive come pacemaker e il trapianto di cuore, così ha spiegato il Dr. Bartolucci.

“Siamo entusiasti dei nostri risultati perché potrebbero creare un modo più promettente e non invasivo per pazienti che affrontano tale patologia”.

Dr. Fernando Figueroa

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *