Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Alex - Prvý pacient v slovenskej štúdii

Primo paziente nello studio

Il Piccolo Alex ha ricevuto le cellule staminali dal suo sangue del cordone ombelicale nel maggio 2014. E’ stato il primo bambino  in Slovacchia a ricevere il proprio sangue del cordone ombelicale  aderendo ad  uno studio clinico per il trattamento della paralisi cerebrale.

“La nascita è andata bene. Alex è nato come un bambino sano, “

ricorda la mamma. Quando aveva 13 giorni, ha subito un’infezione cerebrale. Riuscì a trapianto, ma la febbre tornò dopo un mese. “I medici hanno stimato che si tratta di un idrocefalo di post infezione”, dice la madre, che sapeva che l’idrocefalo è un rischio maggiore di danni al cervello. Sin dalla prima infiammazione di Alex, aveva paura delle possibili conseguenze, e questa diagnosi lo aumentava solo.

” Inoltre, Alex non ha risolto il punto di vista, né si è voltato e sapevo che non sarebbe andata bene”

Dice la mamma:

“Ho due figli, Alex e Dávid, e come madre pretendo  il meglio per i miei figli, per questo al mio secondo figlio ho conservato il sangue del cordone ombelicale, la conservazione del sangue del cordone ombelicale è stata una scelta chiara per me”

, l’ho fatto pensando al primo figlio affetto da un tumore al cervello, fortunatamente benigno. Grazie all’operazione che ha subito 20 mesi, è ora in ordine. Alex di tre anni non e cosi fortunato – si combatte con la paralisi cerebrale di un bambino. La madre fa tutto il suo potere per avanzare.

Non avrei mai immaginato di usare subito il sangue del cordone ombelicale per il fratello minore.

“È importante parlare e collaborare con esperti che vogliono esattamente la stessa cosa per provare il progresso di Alex”.

Alex ha un fisioterapista che è stato in quasi tre anni.

“Era un ragazzo che era bloccato in se stesso, non sentendo i dintorni. Quando abbiamo iniziato a praticare abbiamo visto il primo progresso. Ma il lato mentale è rimasto dietro al corpo. Dopo la somministrazione di sangue del cordone ombelicale, abbiamo visto nuovi e nuovi progressi. Aveva comunicato con maggiore chiarezza con noi per il mese, guardando le persone e muovendo, usando una bella moto, approfondendo approfonditamente ogni dettaglio su carta”

descrive lo stato del suo cliente come fisioterapista di Šamorín.

ALEX PARLA: “MAMMA”

“Quando mi chiama” madre “, è qualcosa di incredibile, credo che siamo appena all’inizio del suo progresso”.

La madre sta godendo. Alex di tre anni era un bambino che aveva risposto allo stimolo del mondo esterno a caso e almeno prima del sangue del cordone ombelicale. Dopo un anno, tutto è diverso.

“Le piace il suo giocattolo che si accende quando viene premuto il pulsante. Questo principio è stato capito e il pulsante sta ancora ruotando. Non solo desidera più la mia attenzione, ma può anche chiederla, con una mano,”

La madre ci dice con entusiasmo.

“Per la maggior parte dei progressi, penso che ha cominciato a svilupparsi mentalmente. Una volta che ha tenuto la sua attenzione, diciamo 30 secondi, ma ora è passato molto tempo. Può perfino percepire tutto in seduta, alle quattro quando è in piedi con il suo sostegno … Reagendo, è molto curioso, combina sillabe con parole, cercando di imitare i suoni, quindi è un grande progresso. Ma Alex si sposta in avanti. Ha un sedile più stabile, può usare le mani, le gambe di più”

aggiunge il fisioterapista.

“A Alex, posso confermare che il ritmo con cui ha iniziato a lavorare dopo la somministrazione del sangue del cordone ombelicale non era standard. Quel ritmo ha moltiplicato il sangue. Sai, è esattamente come avere talento per qualcosa. Se hai il talento di essere un buon musicista, non sarai mai addestrato senza di essa. E quando si tratta di sangue del cordone ombelicale, è esattamente lo stesso – non appena viene somministrato sangue del cordone ombelicale, è l’occasione di utilizzare talento e di sviluppare ulteriormente le abilità del bambino. Purtroppo, nella nostra mente, ci sono ancora barriere al fatto che i bambini che hanno un altro inizio alla vita sono privi del nostro punto di vista. Ma oggi hanno davvero enormi possibilità anche con il proprio sangue ombelicale e le proprie terapie “.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *