Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Storia di Lena – Trattamento della paralisi cerebrale dei bambini utilizzando le cellule staminali

Nel dicembre dello scorso anno, una ragazza di due anni, Léna, ha viaggiato con i suoi genitori negli Stati Uniti. E’ stata diagnosticata la paralisi cerebrale infantile ed è la prima bambina ungherese ad essere trattata con le proprie cellule staminali del sangue del cordone ombelicale negli Stati Uniti.

La società Cord Blood Center Group ha pagato tutti i costi connessi con il percorso, trasporto di  Lena e la sua famiglia in America e anche coprire finanziariamente l’accesso al trattamento in uno dei dieci migliori ospedali negli Stati Uniti – Duke University Hospital.

L’intera procedura è stata supervisionata da uno specialista del sangue del cordone ombelicale, il professor Dr. Joanna Kurtzberg.

Lenae  dopo Alex dalla Romania e Nelly dalla Slovacchia, è il terzo cliente di Cord Blood Center Group che è coinvolto nel trattamento sperimentale di cellule staminali nella paralisi cerebrale dal sangue del cordone ombelicale negli Stati Uniti.

LénaLa storia di Lena

Lena e sua sorella – gemella – nate nel 2011. A causa di problemi cardiaci in una delle gemelle, i medici hanno deciso che un taglio cesareo fosse  più sicuro per entrambe le ragazze.

Nonostante le complicazioni iniziali, entrambe sono cresciute nei primi mesi come bambini sani.

Un giorno, tuttavia, la mano sinistra e la gamba sinistra di una delle due si sono irrigiti. Secondo il parere di esperti, questa condizione è stata probabilmente causata da ipossia – carenza di ossigeno alla nascita o già nell’utero.

Kata, Lénina matka“Non ho mai immaginato che avremmo dovuto usare il sangue del cordone ombelicale così presto. Quando vedi il tuo bambino che cresce in sofferenza per  una grave malattia, vorresti tutto il mondo per aiutarlo. Ecco perché sono grato di aver deciso di prendere questa opportunità unica e conservare le cellule staminali dei gemelli.”

Kata, madre di Lena

profesorka Dr. Joanne Kurtzbergová“Quando le cellule staminali entrano nel corpo, creano ormoni che inviano segnali alle cellule del cervello per aiutare a riparare l’area danneggiata. Sulla base di precedenti indagini, stimo che ci vorranno tre o sei mesi per i primi risultati a venire.”

Prof. Joanne Kurtzberg, Università Duke University, USA

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *