Siamo qui per voi : Via F. d’Aragona 92/D – Barletta
  Contatto : 366 399 3997

Il professor Colin McGuckin, PhD. terapia con cellule staminali

I laboratori del Cord Blood Center sono stati visitati da un illustre scienziato internazionale di cellule staminali.

Nel marzo 2014, è stato in una visita di lavoro al gruppo Cord Blood Center in Slovacchia uno dei più importanti scienziati di cellule staminali del mondo, Colin McGuckin, è stato il primo al mondo a sviluppare tessuti di fegato, tessuto nervoso e pancreatico da cellule staminali presenti nel sangue del cordone ombelicale o nel tessuto ombelicale. Oggi, sta lavorando ad esempio, alla produzione di ossa da cellule staminali uso autologo. È Presidente dell’Istituto di terapia ricerca con cellule staminali, con sede a Lione, in Francia.

Alla Cord Blood Center ha detto una serie di idee ispiratrici:

“L’uso delle cellule staminali diventerà gradualmente il trattamento standard per molteplici malattie. In alcuni paesi europei, l’uso di cellule staminali è ora un trattamento relativamente quotidiano, ad esempio in persone affette da degenerazione ossea. Questi pazienti assumono cellule dal Midollo Osseo, vengono coltivate e impiantate nell’osso danneggiato. Ciò è particolarmente importante per pazienti che hanno problemi alle ginocchia e alle articolazioni dell’anca. Inoltre, più di 10.000 persone in Europa sono state sottoposte a trattamento con cellule staminali da midollo osseo impiantate nel loro cuore.”

Secondo McGuckin, uno dei maggiori problemi della ricerca sulle cellule staminali è il fatto che in alcuni paesi nessuno si preoccupa.

“Nella maggior parte dell’Africa, ad eccezione della Repubblica del Sudafrica, gran parte dell’America del Sud, di gran parte dell’Asia e di gran parte dell’Europa, non esiste alcuna ricerca sulle cellule staminali. Al nostro istituto, riconosciamo che tale ricerca è costosa e richiede tempo e un grande coordinamento. Nessun paese europeo può permettersi di farlo da solo. Siamo convinti che dobbiamo lavorare a livello extraeuropeo e stiamo cercando di collaborare con esperti provenienti da tutta Europa per passare da test di laboratorio a prove cliniche”

, gli esperti ritengono che l’uso delle cellule staminali avrà un ruolo significativo in futuro, ruolo nel trattamento di molte malattie.

“Quando ho iniziato la ricerca con cellule staminali da sangue cordonale, potevano essere utilizzate per il trattamento di poche malattie. Attualmente, sono presenti più di 70 malattie e altri 15-20 sono attualmente in fase di sperimentazione clinica. L’uso di sangue del cordone ombelicale ha rivoluzionato il trattamento di diverse gravi malattie congenite che possono essere completamente curate grazie alle cellule staminali. Leucemia o disturbi immunologici possono essere trattati con cellule staminali. Non credo che le cellule staminali saranno la soluzione a tutto, ma in futuro contribuiranno sicuramente a migliorare la qualità della vita di persone che, ad esempio, hanno superato l’ictus o hanno un grave danno” ,

ha detto McGuckin, la terapia con cellule staminali sta diventando sempre più accessibile grazie alle banche che conservano sangue del  cordone ombelicale.

“L’istituzione di tale banca è molto costosa, ma se il numero di paesi in cui queste banche emergono sono più elevate e più persone lo utilizzano, il trattamento diventa più economico e quindi più accessibile “,

ha spiegato.

Il Presidente dell’Istituto per la ricerca di terapia con cellule staminali durante la sua visita al laboratorio di Cord Blood Center Group ha commentato la recente scoperta di scienziati giapponesi che hanno riferito che le cellule staminali possono crescere anche stimolandole. McGuckin, tuttavia, è scettico su questa affermazione.

“Durante la mia carriera ho gia incontrato un sacco di gente che avevano idee diverse per ottenere cellule staminali. Alcuni sostengono che le cellule staminali possono essere ottenute da qualsiasi parte del corpo, altri ancora dicono che la cellula adulta può essere geneticamente trasformata in cellula staminale, ma in realtà l’unico fattore che conta è il numero di cellule staminali che si possono ottenere.Questa visita è molto importante per noi. Manteniamo contatti con i migliori scienziati del mondo, come  è Colin Mc Guckin. È una grande ispirazione per noi “,

ha commentato RNDr. Miroslav Kubeš, PhD., Responsabile per la ricerca e lo sviluppo Cord Blood Center, che insieme ai  suoi colleghi hanno accompagnato per due giorni Mc Guckin.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *